Serata a Palazzo Verità Poeta

La sera del 17 dicembre 2021 le luci di Palazzo Verità Poeta, in Vicolo San Silvestro 6 a Verona, si sono accese per ospitare un evento organizzato da alcuni soci a favore de L’Acero di Daphne. Oltre 140 partecipanti hanno potuto ammirare la magnificenza delle sale dell’edificio, pregevole esempio di architettura veneta del XVIII secolo, ascoltare musica live dell’orchestra Sax Dreamers, gustare squisiti piatti preparati da Chef Party accompagnati dagli ottimi vini offerti da diverse cantine locali, incontrare soci, professionisti e simpatizzanti de L’Acero, come pure numerosi professionisti sanitari dell’AULSS 9 con i quali L’Acero di Daphne collabora.

Durante la serata la Presidente de L’Acero di Daphne Patrizia Scudellaro ha illustrato le numerose iniziative dell’Associazione rivolte a persone con malattie croniche progressive e inguaribili. Per tutta la durata dell’evento in una sala dedicata venivano proiettate delle interessanti diapositive che spiegavano l’origine, lo sviluppo e le finalità delle Cure Palliative, a disposizione di chi voleva approfondire il tema. Il presidente del Comitato Scientifico dott. Giuseppe Moretto ha poi intrattenuto i presenti parlando dei problemi riguardanti le Cure Palliative in Italia.

Numerose persone hanno avvicinato la Presidente e gli altri soci de L’Acero mostrando il loro interesse per l’attività dell’Associazione. La calda atmosfera conviviale si è stabilita fin dall’inizio ed è proseguita con l’estrazione a sorte di vari premi, la consegna di un omaggio ad ognuno dei presenti, il giro della Befana e le performances canore di due soliste di talento.

La festa si è protratta fino a tarda sera. Nel lasciare il Palazzo gli ospiti hanno manifestato la loro soddisfazione per aver partecipato a un evento che coniugava eleganza, cultura e solidarietà. Il ricavato della serata sarà devoluto a sostenere le iniziative assistenziali promosse da L’Acero. Il buon esito dell’iniziativa va agli ideatori-promotori Lorenza e Domenico, ai numerosi volontari che li hanno assistiti e agli sponsor che hanno generosamente contribuito con la loro disponibilità.

L'ingresso del Palazzo
Le sale del Palazzo
Il buffet dell'apericena
La fortuna bendata estrae i biglietti aiutata da Lorenza
La Befana (Lorenza)
Il Salone delle feste
La festa è cominciata
Le Sale del Palazzo
La festa prosegue in modo conviviale
Babbo Natale e Cristina
Manuela canta le canzoni brasiliane
Patrizia racconta L'Acero di Daphne
I Sax Dreamers
Il buffet dell'apericena
I premi della lotteria
Babbo Natale, Cristina e la Befana (Lorenza)
Cristina e Lorenza salutano il pubblico

CORSO DI FORMAZIONE CAREGIVER PER ADULTI

La Rete Caregiver ci segnala nella sua ultima newsletter un’iniziativa he riteniamo interessante, il CORSO DI FORMAZIONE CAREGIVER PER ADULTI, che tratta i seguenti argomenti:

  • IL CAREGIVER FAMILIARE E I SUOI DIRITTI
  • LA COMUNICAZIONE E LE RELAZIONI NELLA CURA
  • I SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI DEL TERRITORIO
  • IL CAREGIVER FAMILIARE NEL FINE VITA E IL DOPO DI NOI
  • CAREGIVING E ACCESSIBILITÀ
  • CAREGIVER FAMILIARE NEL FINE VITA E IL DOPO DI NOI

Potete trovare le informazioni e il programma completo cliccando qui:
https://retecaregiver.it/corso-di-formazione-caregiver-adulti-verona/

DALLA RELAZIONE DI CURA ALLA TERAPIA DELLA DIGNITÀ

Il 7 Ottobre 2021 si è concluso presso il Centro Marani della AOUI di Verona un interessante seminario intitolato “DALLA RELAZIONE DI CURA ALLA TERAPIA DELLA DIGNITÀ”, progettato da tre soci de L’Acero di Daphne. Venti sanitari provenienti da varie regioni d’Italia, impegnati in diversi ambiti socio-sanitari, si sono confrontati per tre giorni su tematiche complesse, quali la relazione di cura, la comunicazione di cattive notizie, la sofferenza fisica, psicologica, sociale e spirituale della persona con malattia inguaribile e progressiva. Guidati da relatori esperti, i partecipanti hanno approfondito il cosiddetto protocollo della “Terapia della dignità” di H.M. Chochinov, esercitandosi infine nella applicazione del dialogo tra curante e paziente, orientato alla dignità. I contenuti formativi e culturali del Corso sono stati da tutti valutati molto elevati e utili, soprattutto per coloro che lavorano nel campo delle Cure Palliative domiciliari, o nelle strutture residenziali per anziani e per persone con gravi disabilità.

g.m.

 

Conversazioni intorno alla vita morte vita a Bussolengo (Verona)

Nel gennaio 2020 L’Acero di Daphne – in collaborazione con “Legginsieme. Lettura a domicilio” di Bussolengo e il Gruppo Musicale Trailalò – ha organizzato presso la Biblioteca Comunale “L. Motta” di Bussolengo tre serate per affrontare il tema della morte. L’iniziativa è stata molto apprezzata e agli organizzatori è pervenuta da più parti la richiesta di ripetere gli incontri.

XVII Convegno Regionale Veneto di Cure Palliative

Reti di cure palliative: dal reale all’auspicabile

 

Lo scopo del Convegno

Lo scopo del XVII Convegno Regionale Veneto di Cure Palliative è quello di approfondire lo stato di attuazione delle Reti di Cure Palliative a livello regionale e riflettere sulle migliori strategie cliniche, organizzative e di politica sanitaria per il raggiungimento degli obiettivi previsti dalla normativa attuale a tutela del diritto alle cure palliative sancito dalla legge 38 del 2010.

 

“Rafforzare le cure palliative significa garantire un diritto fondamentale per gli individui e per le famiglie nel momento in cui sono più fragili. La stessa esperienza di gestione della pandemia da Covid-19 ha dimostrato l’importanza dell’integrazione degli interventi sanitari con le cure palliative per “minimizzare la sofferenza di coloro che potrebbero non sopravvivere”, e non solo “massimizzare il numero di vite salvate”. Gli Accordi approvati il 27 luglio 2020 e il 25 marzo 2021 in sede di Conferenza Stato-Regioni sull’accreditamento delle reti di cure palliative e sull’accreditamento delle reti di terapia del dolore dell’adulto e pediatriche prevedono la gestione dei percorsi assistenziali integrati, riconducendo ad unitarietà il governo del piano assistenziale individuale. Sono identificate precise responsabilità in merito al coordinamento del percorso al fine di garantire la continuità delle cure, la sicurezza e la qualità degli interventi con un’organizzazione modulata sui bisogni del paziente. Sebbene l’attenzione del Servizio Sanitario Nazionale su queste tematiche sia rivolta in modo particolare sul territorio, è necessaria una crescita culturale e organizzativa anche in ambito ospedaliero al fine di completare la realizzazione delle reti e assicurare una risposta alla sofferenza dei malati ricoverati, garantendo una presa in carico precoce che li accompagni nel loro percorso di malattia, fino all’eventuale decesso.”

[Legge 15 Marzo 2010, n.38 e provvedimenti attuativi – Ministero della Salute]

 

>  Scarica il programma del convegno

Cena collaboratori de L’Acero di Daphne

Martedì 7 settembre 2021 Professionisti, membri del Consiglio Direttivo, Revisori dei Conti, Responsabile Scientifico e Volontari dell’Associazione L’Acero di Daphne si sono trovati presso la Trattoria Antichi Sapori di Pescantina.

La cena, cui hanno partecipato 24 persone, è stata un’occasione per approfondire la conoscenza tra le diverse figure che collaborano con L’Acero, e per uno scambio di esperienze, idee e proposte per la sua crescita.

Grazie infinite a tutte le persone che dedicano il loro tempo con entusiasmo, competenza e professionalità per la cura delle persone fragili, della formazione del personale socio-sanitario alle Cure Palliative e per le altre attività dell’Associazione.

L’Acero cresce sano e rigoglioso!